Alfabeto

Lettere alfabeto da stampare!
Imparare le lettere dell'alfabeto è una sfida avvincente per poter comunicare con efficacia. Colorarle è un mezzo divertente per riuscire a memorizzare i diversi caratteri che ci aiutano ad imparare la nostra lingua e molte lingue straniere.
La storia dell'alfabeto è molto antica. Risale addirittura al IV secolo a.C., in Mesopotamia, quando per comunicare venivano utilizzati dei segni molto semplici. Gli egizi svilupparono, attraverso i geroglifici, una nuova via di comunicazione. Continua dopo le immagini...
 

Continua… Alfabeto

Nel tempo si è arrivati fino all'alfabeto latino, o anche detto alfabeto romano, che è una delle grafie più usate nel mondo. Tra le lingue che usano l'alfabeto romano troviamo, ovviamente, l'italiano, l'inglese, il turco e molte altre.
Immaginate il vostro bambino comporre e colorare le diverse lettere, per meglio dire grafi, per ottenere il suo nome, il nome della sua mamma o del suo papà, oppure quello dell'adorato animale domestico o ancora dell'amico o dell'amica del cuore. Un modo per esprimere i suoi stati d'animo, quello che pensa delle cose e delle persone che lo circondano. Mettere su un foglio di carta l'ordinato mondo che ha in testa. Il pensierino in occasione della festa della mamma o del compleanno del papà, la prima lettera d'amore per la ragazzina o il ragazzino verso la quale o il quale prova un sincero sentimento d'affetto.
Un valido aiuto sin dalla tenera età per accrescere le capacità del bambino, che, attraverso una forma di gioco lo spinge ad imparare.
L'alfabeto romano era in origine composto da 20 caratteri, a cui successivamente se ne aggiungono altri, tra cui la “G”, fondamentale oggigiorno per molti nomi propri e oggetti di uso comune, la “Y” e la “Z”, la prima forse un po' meno usato, ma la seconda decisamente più nota(basti pensare allo Zucchero che magari usiamo tutti i giorni), la “W” e la “J” che compaiono molto meno all'interno della lingua italiana, ma sono assolutamente necessarie nella lingua inglese ad esempio. Una distinzione tra la “U” e la “V” invece venne introdotta molto più tardi nella lingua italiana e possiamo ammirare ancora oggi alcune scritte, ad esempio presenti sulle facciate dei tribunali, con la “V” utilizzata al posto della “U”.
Il nostro alfabeto, quello italiano, è composto da 21 grafemi(lettere).
In origine le lettere avevano una forma unica che richiamavano in qualche modo il nostro maiuscolo o il nostro minuscolo. E' a partire dall'epoca Medievale che si inizia a distinguere, all'interno della stessa frase per esempio, tra scrittura in maiuscolo e in minuscolo. Le lettere “grandi” e “piccole” hanno elementi in comune ma si differenziano nel tratto per determinare il tipo di scrittura che si vuole utilizzare. Maiuscolo per dare più enfasi ad un concetto, minuscolo per la grafia “normale” e più rapida.
Memorizzando il mondo delle lettere si inizia davvero ad esplorare il mondo che ci circonda e a capirlo veramente!

Posted in disegni da colorare.